TRANStoWORK

 

 transwork  transwork2
 

 

TRANStoWORK
Work based Learning in Architecture, Engineering and Construction  (AEC) Industry:  the TRANSition of young people to WORK


Project n. 2017-1IT01-KA202-006112 – CUP G36J17000770006

 

Obiettivi del progetto

Il progetto si pone l’obiettivo di valorizzare, rinforzare e strutturare l’apprendimento basato sul lavoro,(Work-Based Learning–WBL) nell’ambito dei percorsi di formazione professionale rivolti ai giovani di età compresa fra i 18-35 anni (livello EQF 4-5-6), in particolare in quei settori produttivi che evidenziano gap di competenze e scarsa propensione al cambiamento. Per poter fare ciò è necessaria la collaborazione fra: gli attori del processo produttivo ovvero le imprese, gli operatori della formazione professionale e le parti sociali – sindacato e associazioni datoriali, affinché, con modalità condivise, sia possibile rendere pervasivo all’interno del percorso formativo l’apprendimento sul lavoro. Il settore produttivo preso a riferimento, è il settore delle costruzioni nella sua accezione più innovativa Architecture, Engineering and Construction (AEC) Industry.

Gli obiettivi specifici, che il progetto intende perseguire, sono:

ü  promuovere esperienze WBL come supporto alla qualità occupazionale (agevolare il matching tra domanda e offerta nel settore edile;

ü  introdurre elementi di innovazione nell'azienda grazie all’apporto dei “formati” (competenze ICT, digitalizzazione del cantiere, soprattutto in un settore che mostra forte

ü  resistenze al cambiamento;

ü  promuovere la formazione dei tutor, dei coordinatori e dei formatori coinvolti nel processo WBL;

ü  sviluppare strumenti innovativi a supporto della WBL che consentano di far comprendere alle imprese della filiera dell’edilizia, l’elevato valore aggiunto apportato dalla metodologia formativa WBL, cercando di superare le barriere a concepire il luogo di lavoro come un ambiente di apprendimento privilegiato;

ü  Il progetto propone di valorizzare la bilateralità per la promozione della formazione professionale integrata con l’apprendimento basato sul lavoro – WBL.

 

I risultati attesi del progetto sono:

- Adozione del modello WBL(Work Based Learning) condiviso dal partenariato.

Saranno inoltre identificati strumenti a supporto del modello di WBL, fra cui la ideazione di una app, un'applicazione web-based per smartphone che potrà contenere informazioni

relative alla conoscenze acquisite (formali e informali), strumenti di valutazione, abilità e competenze che gli studenti sviluppano nei periodi di formazione on-the-job.

L'applicazione permette una profonda interazione tra i soggetti coinvolti (studenti, tutor aziendale, formazione professionale tutore), nonché il monitoraggio continuo del

processo di apprendimento.

- Crescita culturale/tecnologica dell'impresa.

I giovani tirocinanti posso svolgere un ruolo chiave nelle imprese edili, in particolare nelle PMI della filiera, in quanto possono introdurre alcuni elementi innovativi a sostegno della crescita dell’azienda stessa, con maggior riferimento ai processi di digitalizzazione. In tal modo si possono creare le condizioni per rendere ottimale il processo di transizione al lavoro (trasformazione del “tirocinio” in lavoro “vero”, contrattualizzato).

- Spendibilità professionale dei corsisti.

La proposta progettuale è orientato a sviluppare partenariati di Imprese e Centri di Formazione professionali (nel nostro caso Scuole edili e/o Istituti di Formazione professionale similari) tesi a promuovere l’apprendimento basato sul lavoro in tutte le sue forme, con particolare attenzione alla transizione al lavoro, in posizioni lavorative di qualità, coinvolgendo stakeholders che giocano un ruolo attivo ex ante, in itinere ed ex-post (Associazioni Imprenditoriali,

sindacati, aziende, enti erogatori di Formazione professionale e, non per ultimi, Istituzioni di governo locale, regionale e nazionale, per ciò che riguarda le politiche della formazione

e del lavoro).

- Formazione dei formatori(coordinatori, tutor) che gestiscono i processi di apprendimento sul lavoro e la transizione al lavoro, nell’ambito dei percorsi di formazione professionale.

- Individuare proposte che consentano di adeguare le qualifiche  professionali connesse al settore edile, nella sua accezione di Architecture, Engineering and Construction (AEC) Industry, alla luce delle trasformazioni in atto con particolare riferimento alla digitalizzazione del cantiere e del processo edile ed alla conseguente riconfigurazione di alcuni profili professionali (connessa per esempio all’introduzione del Building Information Modeling – BIM).

 

I target su cui il progetto agisce sono:

- Giovani che frequentano corsi di formazione professionale nel settore delle costruzioni per l’acquisizione di qualifiche professionali corrispondenti al livello 4-5-6 livello EQF.

- Formatori che operano nell’ambito di VET, formatori aziendali, tutor VET.

Beneficiari indiretti:

- sistemi IeFP, imprese, associazioni datoriali e sindacali, Istituti di Istruzione professionale della secondaria superiore

 

Coordinatore del progetto

I.I.P.L.E. - ISTITUTO PER L' ISTRUZIONE PROFESSIONALE DEI LAVORATORI EDILI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

 

PARTNERS

  • FUNDACIÓN LABORAL DE LA CONSTRUCCIÓN (Spain)
  • VIESOJI ISTAIGA VILNIAUS STATYBININKU RENGIMO CENTRAS (Lithuania)
  • IRES Emilia Romagna (Italia)
  • CDS Centro Documentazioni Studi (Italia)
  • CLUJ CHAMBER OF COMMERCE AND INDUSTRY (Romania)

SITO

www.transtowork.com

 

 

Prova

   70 anni dal 1947

  • Language

I TUOI CORSI

  • 0 articoli nel carrello